Letture con musica

Il Gatto del Soldato e Opernplatz

 

Le cose – i gatti disegnati, i libri – hanno tutte un’anima. E le parole che descrivono le cose, che raccontano le loro storie, hanno tutte una musica. Basta saperle estrarre – anima e musica – e portarle tra la gente.

Da questa idea è nato il progetto “letture con musica”. Tutto è cominciato nel 2014, il decennale della scomparsa del giornalista Enzo Baldoni. Che non era un giornalista da tiggì ma un pubblicista senza briglie, un fotografo, un blogger, un traduttore, un pubblicitario geniale, un volontario della Croce rossa e soprattutto un pacifista convinto. Quel genere di pacifisti che invece di fare sit-in nelle piazze scendono in trincea, a rischiare la pelle. Baldoni, purtroppo, la pelle ce la lasciò davvero in quel di Baghdad, nel corso di un drammatico sequestro le cui circostanze a tutt’oggi non sono state chiarite. Ma il suo spirito è tutt’uno con Il Gatto del Soldato, racconto che non solo incarna la sua vocazione irenica ma lo vede fare comparsa tra i personaggi e dare il suo contributo allo sviluppo della trama. Lettura con musica, dicevo. E musica originale, ossia scritta appositamente per il testo da due giovani musicisti: Riccardo Bertone e Dino Andrea Roccuzzo. Ecco dunque perché il Gatto e perché Baldoni.

Grazie alla voce di Isabella Ravetta, giovane attrice formatasi essenzialmente alla Scuola di teatro Quelli di Grock, alla chitarra di Bertone, alla tromba di Roccuzzo e alle percussioni di Nicolò Toriciani, il Gatto ha girato per Pavia e dintorni, dalle biblioteche alle scuole, dalle sale polifunzionali ai bar. È stato letto persino davanti ai detenuti di un carcere di massima sicurezza. Insomma, un progetto occasionale legato alla commemorazione della splendida figura di Enzo Baldoni è diventato qualcosa di più articolato e duraturo, tant’è che si è passati alla “lettura con musica” di un altro racconto imperniato sulla follia delle guerre e dei genocidi: Opernplatz. Stessi compositori della colonna sonora, stessi esecutori, stessa lettrice (sostituita una sola volta per ragioni tecniche dall’attore Enzo Arìa). Operplatz si è prestato a meraviglia per far comprendere con allusioni e velature la drammaticità dell’Olocausto ai ragazzi delle scuole, il senso del Giorno della Memoria, le affinità tra il rogo dei libri nella Berlino del 1933 e quello di Mosul del 2015.

 

Il Gatto del Soldato. La storia è ambientata nella Baghdad dei nostri giorni. Protagonista il gatto che un soldato americano disegna su un taccuino e regala a Mustafà, uno dei tanti bambini di Baghdad che amano i gatti e vivono tra gli orrori della guerra. Il gatto disegnato, come in tutte le fiabe, saprà sprigionare la sua carica di magia e di umanità. Ma non servirà ad evitare un finale pieno di amarezza. Il racconto ha vinto il Premio InediTo 2009 Città di Chieri e colline di Torino ed è stato pubblicato dalla Libreria Edizioni Cardano.

Opernplatz. Uscito in brossura nell’antologia della XIV edizione del Premio letterario Le Storie del Novecento, di cui è stato vincitore assoluto, Opernplatz è la storia di uno dei ventimila libri bruciati il 10 maggio 1933 nell’omonima piazza berlinese. Protagonista e insolita voce narrante è un volumetto tedesco di poche pagine che parla, sente, ama, soffre come un essere umano. Racconta la sua vita di libro in un mondo fatto di odio e di cecità mentale. Il mondo della Germania nazista.

 

Gli interpreti

Voce recitante: ISABELLA RAVETTA. Musiche originali a cura di: Riccardo Bertone (chitarra) – Dino Roccuzzo (tromba) – Nicolò Torciani (percussioni).

Opernplatz, la locandina

 

Le date:

Domenica 19 ottobre 2014 – Pavia, ex chiesa S. Maria Gualtieri: Il Gatto del Soldato

Domenica 22 marzo 2015 – Mede, castello Sangiuliani: Il Gatto del Soldato

Sabato 16 maggio 2015 – Pavia, Casa circondariale Torre del Gallo: Il Gatto del Soldato

Sabato 24 ottobre 2015 – Lungavilla, Biblioteca Carlo Vittadini: Il Gatto del Soldato

Domenica 6 dicembre 2015 – Pinarolo Po, Cocktail bar Carpe Diem: Il Gatto del Soldato

Domenica 24 gennaio 2016 – Pavia, ex chiesa S. Maria Gualtieri: Opernplatz

Mercoledì 27 gennaio 2016 – Lungavilla, Scuole medie: Opernplatz

Domenica 6 marzo 2016 – Bressana Bottarone, Sala Polivalente: Il Gatto del Soldato

Giovedì 26 gennaio 2017 – Lungavilla, Scuole medie: Opernplatz

Sabato 18 febbraio 2017 – Montebello della Battaglia, Biblioteca: Il Gatto del Soldato e Opernplatz

Domenica 26 marzo 2017 – Cigognola, Polo Civico Culturale: Il Gatto del Soldato e Opernplatz

Venerdì 26 gennaio 2018 – Pavia, Liceo Niccolò Copernico: Opernplatz

 

Isabella Ravetta

 

Dino Roccuzzo

 

Riccardo Bertone

 

Nicolò Torciani

 

L’autore

 

La prima del Gatto, 2014

 

La prima di Opernplatz, 2016

 

La prima di Opernplatz, 2016

 

Partitura di Opernplatz

 

Il pubblico a Pavia

 

Il pubblico a Mede

 

Il pubblico a Lungavilla

 

Il Gatto a Pinarolo per Ambra O.d.v.

 

Bressana, il Gatto letto da Enzo Arìa

 

Isabella Ravetta, Nicolò Toriciani, Riccardo Bertone, Alessio Zanovello

 

Opernplatz alle Scuole medie di Lungavilla, 2016

 

Opernplatz alle Scuole Medie di Lungavilla, 2017

 

Il pubblico a Montebello della Battaglia

 

Il pubblico al PoloCivicoCulturale di Cigognola

 

 

Scarica i video da YouTube:

 

    

         

 

 


Licenza Creative Commons