Home

 

Si ricordò allora di quella sera al Danieli, quando lei gli aveva chiesto perché scrivesse. Federico Grandi le aveva risposto:

– Scrivere è un modo come un altro per lottare contro l’infinito.

Poi aveva scosso la testa:

– Forse per me è giunto il momento di cessare la lotta.

– Non bisogna smettere di lottare, – replicò lei. – La vita non ha mai smesso, Dio non ha mai smesso.

– Non credo piú in Dio.

– E in cosa crede?

– Credo nel mio destino di essere umano. Credo nella possibilità che Dio esista o non esista. Credo nel bene, in quella parte dell’umanità che persevera nel bene, che sa quanto male ci sia nel destino dell’uomo e cerca il bene dell’uomo. Credo in tutto questo.

(IL TESSITORE DEL VENTO)

 


Licenza Creative Commons